monte uluru aborigeni stop alle scalate australia news travel viaggi veneto vi il blog di vinicio mascarello

La montagna sacra agli Aborigeni – Ayers Rock – non si potrà più scalare: vittoria del popolo Anangu

Si è conclusa la scorsa settimana la controversia culturale australiana con il divieto di scalare la montagna sacra aborigena di Uluru (meglio conosciuta per i turisti con il nome Ayers Rock), che si trova nel centro desertico dell’Australia.
Il monte sacro al popolo Anangu è stato meta sin dagli anni ’50 di un copioso flusso di turisti e da oggi il divieto scalarlo arriva a seguito di decenni di richieste da parte degli originali abitanti dell’area, gli aborigeni Anangu, che si sono sempre opposti a questo uso della montagna considerando i sentieri verso la cima luoghi sacri rituali degli uomini, e proibiti agli estranei.
Il monolito di arenaria rossa è alto 248 metri, e con una temperatura di circa 30 gradi, ha visto la scalata di centinaia di appassionati, soprattutto provenienti dal Giappone, che hanno affollato l’area e le vicinanze nei giorni che hanno preceduto il 26 ottobre, ultimo giorno di possibili scalate nonché anniversario del giorno in cui nel 1985 Uluru e il parco nazionale di Kata Tjuta furono restituiti al popolo Anangu su iniziativa dell’allora primo ministro laburista Bob Hawke.

monte uluru aborigeni stop alle scalate australia news travel viaggi veneto vi il blog di vinicio mascarello

Sammy Wilson, popolo Anangu, ha spiegato alla radio nazionale Abc: “Se io visito un altro paese e vi è un luogo sacro, un’area di accesso ristretto, io non entro o non ci salgo sopra, lo rispetto. E’ lo stesso qui per la nazione Anangu. Noi diamo il benvenuto ai turisti e non ci opponiamo al turismo, ma solo a questa attività, ovvero scalare Uluru“.

Follow & Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.