virgil abloh

La grande leggenda del mondo della moda: ci lascia un grande genio contemporaneo

Virgil Abloh era un designer, tra i migliori al mondo. Ma anche un dj, artista.
Semplicemente lo stilista che curava la linea uomo di Louis Vuitton e fondatore di Off-White, pioniere di un’era nuova.

41 anni, mancato qualche giorno fa per un grave sarcoma, Virgil Abloh in pochissimo tempo ha saputo influenzare incredibilmente il mondo della moda e delle arti in generale.
Direttore creativo del menswear di Louis Vuitton, è stato il primo afroamericano a ricoprire quel ruolo centrale nel mondo del lusso su scala globale.

il suo, era un mondo giovane e tecnologico e lontanissimo dai vecchi schemi: e così Virgil Abloh era un imprenditore e stilista, architetto e deejay, stylist e appassionato designer industriale. Ha saputo portare il mondo «street» dei ragazzi che vanno a scuola a metà strada tra realtà e mondo digitale, nell’aria sempre distaccata del lusso di una maison così iconica e storica.

Chi l’aveva capito, prima di tutti, era stato Karl Lagerfeld, che l’aveva preso zome stagista da Fendi (2009) prevedendo che la moda in futuro avrebbe avuto al comando meno designer e più art director. Una delle sue ultime apparizioni non è stata nel mondo della moda, in strada: applaudì l’opera postuma di Christo, l’Arc de Triomphe celato alla nostra vista, l’arte pubblica che diventa segreta.

Icona, avanti, genio, ti ricorderemo per sempre.

Follow & Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.